MIGLIOR TARIFFA
ONLINE GARANTITA

> Le mie prenotazioni
Cosa Vedere

Newsletter

( * )

Edifici Storici

Palazzo Grassi

Palazzo Grassi fu progettato dall’architetto veneziano Giorgio Massari nel XVIII secolo su commissione della famiglia Grassi, famiglia borghese originaria di Chioggia che aveva acquistato un terreno affacciato sul Canal Grande. Dopo la morte dei componenti della famiglia Grassi, il Palazzo divenne proprietà di varie famiglie che ne trasformarono nel corso degli anni più volte la destinazione: dal tenore lirico Antonio Poggi, all’industriale svizzero Stucky, all’imprenditore veneto Vittorio Cini ecc. fino alla famiglia Fiat che nel 1983 decise di acquistare Palazzo Grassi affidandone i lavori di ristrutturazione all’architetto milanese Gae Aulenti. Da quel momento Palazzo Grassi diventò uno dei centri espositivi più importanti del mondo presentando molte mostre di successo.

Successivamente alla morte del titolare del gruppo Fiat, Gianni Agnelli, la famiglia decise di vendere il palazzo che fu acquistato nel 2005 dall’imprenditore milionario francese François Pinault per esporre la sua ampia collezione di opere d’arte.

Grazie ad un intervento di ristrutturazione che trasformò Palazzo Grassi in un luogo ideale per l’esposizione di opere d’arte moderna e contemporanea, la Collezione François Pinault è oggi una delle collezioni d’arte più importanti al mondo, vantando pitture, sculture, video e fotografie appartenenti ai principali movimenti artistici del XX e XIX secolo come Minimalismo, Pop Art e Arte Povera.

Nel giugno del 2009, dopo quasi 30 anni di chiusura, François Pinault decise di far ristrutturare dall’architetto giapponese Tadao Ando anche l’edificio simbolo di Venezia, la Punta della Dogana, facendola diventare anch’essa sede permanente della fondazione François Pinault. In occasione della riapertura del nuovo centro d’arte contemporanea, venne presentata la mostra Mapping the Sudio che attraverso delle opere selezionate ricostruisce il percorso di ognuna di esse dalla loro origine fino al loro inserimento nella collezione.

Entrambi le sedi della Fondazione François Pinault possono essere visitate acquistando un unico biglietto che ha una validità di 3 giorni. Le sedi sono aperti tutti i giorni dalle 10 alle 19, esclusi i martedì e le principali festività.

 

Orari d'apertura:

Aperto dalle ore 10 alle ore 19.

Chiuso il martedì e nei giorni 24, 25, 31 dicembre e il 1 gennaio.

Chiusura delle biglietterie alle ore 18.

 

Info e costi ingresso alla mostra:

Il biglietto d’accesso per i due siti è valido tre giorni

 

Biglietto intero

Eur. 20,00 per la visita dei 2 siti

Eur. 15,00 per la visita di un sito

 

Biglietto ridotto (residenti e gruppi)

Eur. 17,00 per la visita dei 2 siti

Eur. 12,00 per la visita di un sito

 

Gallery Fotografica tratta da www.paesionline.it